Diritti dell'infanzia

Home Diritti dell'infanzia

800MILA BAMBINI NEGLI ORFANOTROFI DELL’EST.

Dall’area balcanica alla Russia, il rapporto fra piccoli istituzionalizzati e popolazione residente è cinque volte superiore alla media mondiale. Malati. Orfani. Disabili. O semplicemente bambini sfortunati,...

GRECIA, BIMBI DI 10 ANNI TENTANO IL SUICIDIO NELL’INFERNO DI MORIA...

SCRITTO DA MIRKO BELLIS Bambini di appena 10 anni tentano il suicidio al campo profughi di Moria sull'isola greca di Lesbo. E’ la denuncia di...

INDIA: ABUSO DI SOSTANZE TRA I BAMBINI DI STRADA

SCRITTO DA Dr. Dharmakanta Kumbhakar Spesso viviamo vedendo adolescenti e bambini che camminano per le strade o seduti in alcuni luoghi isolati di Guwahati (India)...

BAMBINI DI STRADA, ECCO COME FU RISOLTO IL PROBLEMA NELL’URSS

L’Unione Sovietica dovette confrontarsi con la questione degli orfani e degli abbandoni minorili. Nella Russia post rivoluzionaria circa 7 milioni di ragazzini viveva senza...

VITTIME E CARNEFICI. 300 MILA BAMBINI SOLDATO NEL MONDO.

Autore: Riccardo Bottazzo Settanta capi d’accusa per crimini di guerra e crimini contro l’umanità a carico. Eppure non è affatto facile, sia per la Corte penale...

BAMBINI DI STRADA: ESSERE INVISIBILI, FIGLI DI NESSUNO.

Storie – I “bambini di strada” sono presenti in tutti i Paesi del mondo, ma nonostante la drammaticità, l’estensione e la gravità del fenomeno, il problema...

BANGLADESH: LA STORIA DEI BAMBINI DI STRADA

In Bangladesh, il numero dei bambini di strada è cresciuto rapidamente nel corso degli ultimi anni. In particolare, la città di Dhaka...

CONTINUA IL PROBLEMA DEI BAMBINI DI STRADA IN EGITTO

di Cherifa Zemouri Amsterdam – Nel mondo si stima ci siano 150 milioni di bambini in strada. L’Egitto ne ha circa un milione tra Alessandria...
video

PARADA – SPOT “ART FOR SOCIAL CHANGE”

In Romania esistono ancora bambini di strada, ma insieme con Parada troveranno una strada migliore. Perchè per Parada ridere è una cosa seria!

PICCOLE VITE FANTASMA: LA VERA CIFRA E’ L’INDIFFERENZA

Secondo l’Onu, sono tra i 150 e i 250 milioni: ma il dato più allarmante è che la società sembra averli dimenticati.