I rastrellamenti apparentemente sono stati pensati per aiutare i bambini di strada, ma le autorità li hanno realizzati senza il rispetto dei diritti fondamentali.

“Ci hanno portato via di notte, non sapevamo dove ci avrebbero portati”, racconta Jonathan di 11 anni.

Jonathan è uno degli oltre 600 bambini e giovani adulti che la polizia ha radunato indiscriminatamente attorno a Kampala il 23 e 24 luglio nell’ambito di un intervento a livello cittadino da parte delle autorità locali e del Ministero del lavoro e dello sviluppo sociale, per rimuovere i senzatetto dalle strade e reinsediarli.

I rastrellamenti sono apparentemente pensati per aiutare i bambini, ma le autorità li hanno realizzati senza il rispetto dei diritti fondamentali. Tre testimoni hanno riferito a Human Rights Watch che i poliziotti hanno usato bastoni per picchiare i bambini mentre li costringevano a salire sui veicoli.

“Hanno usato la violenza. Li hanno afferrati e gridavano: “Perché sei per strada?” “, Ha detto Martin Baliko, che gestisce Amari Uganda , un’organizzazione con sede a Kampala che riabilita i bambini di strada. Un giornale locale ha pubblicato la foto di un poliziotto e di un membro dell’Unità di Difesa Locale, che trascinavano via un bambino durante l’operazione.

La polizia ha trasferito i bambini e i giovani adulti che hanno arrestato nei centri di riabilitazione giovanile dove sono detenuti prima di essere reinsediati. Un funzionario del Centro nazionale di riabilitazione di Kampiringisa ha riferito che almeno 73 persone sono state liberate la scorsa settimana perché erano adulti o bambini che vivono con i loro genitori.

I rastrellamenti violenti e arbitrari di bambini di strada da parte della polizia a Kampala non sono una novità. Nel 2014, Human Rights Watch ha scoperto che la polizia e altri funzionari hanno picchiato, estorto denaro e arrestato arbitrariamente i bambini di strada dopo rastrellamenti simili.

Sia il diritto ugandese che quello internazionale forniscono un quadro solido che vieta gli abusi, le molestie e che dovrebbe proteggere i diritti dei minori. Se la polizia arresta i bambini, l’Uganda’s Children’s Act afferma che dovrebbero essere portati immediatamente in tribunale. Se ciò non è possibile e se le accuse non sono gravi, dovrebbero essere liberati ma sembra non accadere mai in questi casi.

I gruppi che lavorano per aiutare i bambini di strada temono che siano imminenti più rastrellamenti, in particolare quando il parlamento ha approvato a maggio un budget supplementare di 3,4 milioni di scellini ugandesi (918 US $, 850), in particolare per le operazioni di rimozione, sorveglianza stradale e varie attività di riabilitazione .

Se il governo continua con i suoi piani per allontanare i bambini dalla strada, dovrebbe farlo nel rispetto dei diritti fondamentali, garantendo un accesso servizi sociali adeguati e che questi bambini vengano trattati con dignità.

TRATTO DA HUMAN RIGHTS WATCH

CONDIVIDI