Nitish era tra i 10 bambini, di età compresa tra 10-18 anni, che si sono riuniti presso l’India Islamic Cultural Center a Delhi Venerdì scorso per parlare delle loro lotte di vita e del lavoro per le strade

“Pulivo i piatti in una bancarella di Chowmein per sostenere la mia famiglia”, dice Nitish, 13 anni, prendendo delle pause per stabilizzarsi e trattenere le lacrime. “Ma ora vado a scuola e sono primo nella mia classe da due anni consecutivi”.

“Voglio essere un insegnante e aiutare gli altri bambini di strada nello stesso modo in cui sono stato aiutato io”, aggiunge lo studente della classe 6, prima che il pubblico faccia partire un applauso.

Nitish era tra i 10 bambini, di età compresa tra 10-18 anni, che si sono riuniti presso l’India Islamic Cultural Center a Delhi Venerdì scorso per parlare delle loro lotte di vita e del lavoro per le strade.

Organizzato in occasione della Giornata internazionale per i bambini di strada dall’ONG Chetna e dalla South Asian Literature Prize and Events Trust, l’evento Street Talk è stato organizzato per offrire a questi bambini una piattaforma per parlare e richiedere politiche che li possano aiutare

“L’obiettivo di questa iniziativa è quello di continuare i nostri sforzi per permettere ai bambini di strada di far sentire la loro voce attraverso questo piattaforma, in modo tale da renderli sufficientemente disponibili per farsi avanti e parlare per se stessi e per la propria comunità”, ha dichiarato, Sanjay Gupta, Direttore di Chetna.

Alla domanda su cosa potrebbero fare i governi per i bambini di strada, Nitish è il primo a rispondere. “I bambini dovrebbero essere mandati a scuola. Non importa quali siano le circostanze, dovrebbero essere aiutati nell’ottenere un’istruzione in modo che possano aiutare gli altri e avere una vita migliore “.

Gli altri nella stanza sono d’accordo. “I bambini non dovrebbero lavorare per strada”, dice Kishan, 15 anni, che lavora come giornalista con Balaknama – un giornale scritto dai bambini di strada. “Ho dovuto lasciare gli studi dopo la morte di mio padre e diventare un venditore di ortaggi. Qualcuno mi disse che avrei potuto però continuare a studiare e lavorare. È così che ho iniziato a perseguire l’educazione “.

I bambini che hanno dovuto ricorrere alla raccolta dei rifiuti, al lavoro domestico, all’accattonaggio e al lavoro minorile per il sostentamento sono saliti sul palco con fiducia parlando delle loro lotte e rispondendo alle domande dal pubblico. Lanciare una luce sulle sfide affrontate dalle ragazze che vivono e guadagnano per le strade, Farzana, 11 anni, che studia in classe 3, dice: “Spesso durante la vendita di giocattoli sugli autobus, le persone cercano di toccarci in modo inappropriato. Non possiamo fare nulla ma spostarci dall’altra parte.

TRATTO DA HINDUSTANTIME

CONDIVIDI