Sempre più bambini scappano dalle loro case a causa dei problemi familiari e dalla mancanza di opportunità, e si dirigono ad Addis Abeba. Da soli e vulnerabili, non ricevono alcun sostegno statale.

Dietro ad una zona pubblica di Addis Abeba, Meskel Piazza, in un vicolo di ciottoli e all’ombra dei grattacieli in costruzione, si trova un piccolo angolo della capitale etiope conosciuta dai locali come “DC”.

Annidato tra bordelli angusti e bar scarsamente illuminati, questa zona è composta da abitazioni basse con tetti di lamiera, dove all’interno  si trovano file di letti a castello. Ogni notte, centinaia di bambini senzatetto vengono qui a cercare un posto dove dormire, e dove molto spesso condividono in due lo stesso materasso.

Questa casa è gestita dal 27enne Mabit e dalla sua famiglia composta da sei persone, ed ospita circa due dozzine di bambini ogni notte. Chiede un pagamento di 20 birr (50p) a ciascuno e vende a loro del cibo. I dormitori sono umidi e affollati, e alcuni dei ragazzi spesso sono ubriachi e violenti, ma è meglio di una notte in strada.

“È come l’America”, dice Mabit, spiegando il soprannome del distretto. “È il posto migliore per i ragazzi.”

I bambini di strada, in particolare i giovani, sono sempre più visibili ad Addis Abeba negli ultimi anni. Migliaia di questi ragazzi si occupano dei loro traffici nelle intersezioni soffocate dal traffico della città, alcuni vendono sigarette e chewing gum, altri mendicano. E si possono vedere nelle loro mani, molte bottiglie di plastica riempite di colla che vengono regolarmente inalate.

L’ultimo sondaggio ufficiale è stato condotto nel lontano 2010, anche allora c’erano 12.000 bambini che vivevano non accompagnati nelle strade della capitale. Le ONG stimano cifre molto più alte oggi. Anche Mabit, che da dieci anni affitta letti ai bambini, ritiene che i numeri stiano aumentando, un punto di vista echeggiato dai funzionari.

“Abbiamo un grandissimo problema – e sta diventando sempre più grande”, dice Hunegnaw Ayele Abate, direttrice della protezione sociale presso l’ufficio cittadino del lavoro e degli affari sociali.

I bambini di sei anni arrivano in città per sfuggire al duro lavoro rurale e, in molti casi, al crollo della famiglia. “La ragione è sempre la povertà – ma la povertà più [qualcos’altro]”, dice Lynn Kay, direttore nazionale di Retrak Etiopia , un’organizzazione che salva i bambini di strada ad Addis Abeba e li riunisce con le loro famiglie.

Un recente sondaggio ha rilevato che quasi la metà dei bambini di strada vivono con genitori adottivi perché i loro genitori biologici sono morti, divorziati o separati.

Chala, 15 anni, di Hararghe nell’Etiopia orientale , ha cicatrici sugli avambracci causate da un lungo coltello. È venuto ad Addis tre anni fa, dopo che sua madre è morta e suo padre ha iniziato a bere, picchiando lui e i suoi cinque fratelli più piccoli. “Ero il capofamiglia”, spiega.

Sisay, 13 anni, viene dalla campagna che circonda la città meridionale di Shashamane, è partito per la capitale due anni fa con un folto gruppo di amici. “Non sapevo nulla di Addis, ma i miei amici mi dissero che sarebbe stato un posto davvero incredibile”, dice.

Molti dei suoi pari nella capitale provengono da zone meridionali come Wolayita, quartieri noti per l’invio di migranti nella capitale. Tali aree sono caratterizzate da un’elevata densità di popolazione e frammentazione della terra , che esercita un’ulteriore pressione sulle famiglie povere con un numero elevato di bambini. La disoccupazione giovanile in alcuni distretti può arrivare al 50%. Le reti per la tratta di minori , che sono spesso responsabili di portare ragazze ad Addis Abeba, sono particolarmente attive.

La vita per le strade della capitale è irriducibilmente dura, anche per chi guadagna abbastanza ogni giorno per permettersi un letto a Washington o in altri quartieri simili. La scuola è impossibile senza una carta d’identità, l’elemosina è stigmatizzata e la brutalità della polizia è all’ordine del giorno. Un ente di beneficenza riferisce che, quando viene chiesto di disegnare un’immagine della vita per le strade, quasi tutti i bambini riproducono con il disegno l’immagine di un poliziotto. “La polizia ci tratta come se fossimo capre”, dice Bedasa, 18 anni, un’amica di Chala.

Le ragazze di solito finiscono nel servizio domestico , dove l’abuso sessuale dilaga. Il rapporto riguardante il traffico di persone del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti del 2016, ha rilevato che ragazze di otto anni lavoravano nei bordelli attorno al mercato centrale di Addis Abeba. Kay dice che circa l’80% delle ragazze che vengono a Retrak riportano abusi sessuali, aggiungendo che sta aumentando anche il numero di ragazzi. Molti contraggono l’epatite B, un’infezione epatica che può essere trasmessa attraverso il sesso.

Gli operatori sociali dicono che inalare la colla è aumentato drasticamente negli ultimi due anni. La sostanza è facile da ottenere: i souk vendono 5 ml in bottiglie di plastica per soli 10 birr e non vi sono limiti di età. I lustrascarpe che usano la colla per riparare le scarpe dicono che ora è troppo costosa perché la maggior parte viene venduta ai bambini per essere sniffata. “Nessuno li ferma”, dice Muluken Seyoum, un funzionario del ministero della protezione delle donne e dei bambini.

Chala dice che lui e i suoi amici lo fanno per non sentire la fame e il freddo durante la notte. “Ti dimentichi tutto per ore”, spiega. “Sappiamo che è spaventoso, ma non possiamo trovare un modo per fermare la dipendenza”. Bedasa dice che questo li aiuta a far fronte al dolore quando vengono picchiati dalla polizia.

Non ci sono programmi o strutture governative per i bambini di strada. L’unico aiuto proviene da una manciata di organizzazioni di beneficenza su piccola scala che ricevono poco tramite l’assistenza del governo.

Una legge restrittiva sulla società civile rende difficile il loro operato. Hold My Hand , un rifugio che si prende cura di 26 ragazzi, dipende dall’appoggio di solo due donatori statunitensi. “Recuperare i bambini dalla strada non è il nostro lavoro”, afferma la fondatrice Mikiyas Fekadu. “Ma lo stiamo facendo perché [il governo] non lo fa.”

Il governo ha perseguito “un approccio correttivo”, afferma Tatek Abebe, professore etiope di studi sull’infanzia presso l’Università norvegese di scienza e tecnologia. Questo approccio ha comportato rimborsi alla polizia un paio di volte all’anno, di solito quando la capitale ospita i vertici dell’Unione Africana. In questi caso i bambini vengono allontanati dalla città e portati nelle città vicine dove vengono addestrati e, in alcuni casi, vengono ricongiunti con le loro famiglie. L’approccio è stato in gran parte inefficace, anche se è previsto che continui.

“È una specie di circolo vizioso: li raccogliamo; tornano di nuovo. È un vero mal di testa per il governo “, dice Muluken.

Ci sono speranze che la nuova amministrazione del paese, guidata dal primo ministro riformista Abiy Ahmed , dia un diverso orientamento. Quest’anno, il ministero della protezione delle donne e dei bambini sta usando il motto “I bambini nelle strade hanno il diritto di vivere” – che, sostiene Kay, è un “salto di qualità” rispetto al motto del 2017 che diceva, “Pulire le strade dai bambini di Addis Abeba ”. La legge sulla società civile è stata rivista e Fekadu afferma che il governo ha iniziato a consultare di più le ONG.

Nel frattempo, Hunegnaw afferma che l’approccio del suo ufficio alla riabilitazione e alla reintegrazione sta cambiando, con una maggiore attenzione all’istruzione e alla formazione professionale per scoraggiare i bambini dal tornare in strada. “Abbiamo imparato dagli errori precedenti”, dice. L’ufficio propone anche la creazione di un centro speciale che offra riparo, cibo e servizi igienico-sanitari. Un programma di rete di sicurezza urbana , lanciato nel 2017 e sostenuto dalla Banca Mondiale, ora aiuta alcuni dei più indigenti della città, compresi i bambini di strada, dando loro un piccolo contributo in cambio di lavoro come la pulizia delle strade.

Ma il problema più ampio è più intrattabile. I bambini di strada sono “parte integrante del più ampio processo di urbanizzazione”, afferma Tatek, e la popolazione di Addis Abeba da sola raddoppierà di oltre 8 milioni nel prossimo decennio. A livello nazionale, il tasso di urbanizzazione è stimato intorno al 4-6% all’anno, esercitando un’enorme pressione sulle infrastrutture e i servizi municipali. Nonostante l’infelicità della vita nelle strade, l’alternativa – un ritorno permanente in campagna – è “molto, molto raro”, dice.

Tra i bambini di strada che Tatek ha studiato dal 2005, nessuno è tornato definitivamente a casa.

TRATTO DA THE GUARDIAN


SITO GESTITO DA PARADA ITALIA

CONDIVIDI