I bambini raccontano la storia “invisibile” della “STREET CHILD WORLD CUP”. L’altra Coppa del Mondo che si è tenuta in Russia quest’anno potrebbe non avere VAR, ma avere molto cuore.

Il più grande evento sportivo del pianeta è in pieno svolgimento in Russia – ma non ha ancora oscurato la Coppa del mondo di Street Child.

A maggio sono state raccontate le storie mozzafiato di bambini di strada provenienti da tutto il mondo che in Europa orientale hanno avuto l’esperienza liberatoria di giocare a calcio.

Il loro racconto emotivo è stato trasformato in un cortometraggio intitolato Наша история (“Our Story”) con diari video girati dagli stessi giocatori, che rivelano i loro alti e bassi, con le loro stesse parole.

Il film di nove minuti riguarda Wendy dall’Inghilterra, il Pakistano Mohammed Abdullah, Bayu dall’Indonesia, Sonia e Ana Carolina dalla Russia, che hanno assaporato il successo delle ragazze vincitrici del Brasile, e tutti parlano dal cuore del torneo.

Loro, così come i bambini di tutte le 20 nazioni, balleranno, canteranno e sorrideranno – lontano dalla realtà delle loro vite – durante il video oltre alle partite giocate assieme, condivideranno anche i problemi che devono affrontare ogni giorno.

Lo ” Street Child World Cup” potrebbe non aver cambiato il mondo da un giorno all’altro, ma per molti dei ragazzi coinvolti nell’esperienza, ha cambiato la loro vita.

TRATTO DA THE BIG ISSUE 

CONDIVIDI