MUMBAI – Nel tentativo di fronteggiare il fenomeno dei bambini di strada, lo Stato ha adottato una procedura operativa standard (SOP) che i cittadini possono seguire per aiutare un bambino in difficoltà. Il governo, attraverso la Commissione per la tutela dei diritti dei minori del Maharashtra, ha anche lanciato l’utilizzo di un’applicazione mobile che consentirà di sporgere denuncia contro qualsiasi violazione dei diritti dei minori.

Creato da un’ONG, Save the Children, e dalla Commissione Nazionale per la Protezione dei Diritti dei Bambini, il SOP illustra come una persona comune o i vari comitati per l’assistenza ai bambini (CWC) debbano agire per garantire che un bambino di strada possa ricevere la giusta assistenza. “Maharashtra è il primo Stato ad adottare la SOP. Una volta creata sufficiente consapevolezza, si potrà assicurare che i bambini ricevano sempre il giusto aiuto”, ha dichiarato un funzionario della ONG.

Secondo il SOP, il primo punto di contatto sarà la Childline India (1098) o i funzionari a seconda del luogo in cui si trova il bambino. Hanno anche redatto un SOP per i CWC per assicurare che il protocollo venga seguito una volta che viene segnalato un bambino abbandonato, orfano, fuggito o scomparso. I SOP sono disponibili sul sito web della ONG.

È stata avviata anche una commissione statale dell’applicazione. L’applicazione è disponibile sia in appstore che in playstore e consentirà sia ai cittadini che ai bambini di sporgere  denuncia. Includerà anche tutte le leggi necessarie per la protezione dei minori e una directory di funzionari governativi che lavorano per i loro diritti. “Attraverso questa applicazione speriamo che tutti possano contribuire”, ha detto il segretario e membro della Commissione, A N Tripathi. Pankaja Munde, Ministro statale per il benessere delle donne e dei bambini, presente al lancio, ha detto che il governo metterà a disposizione dei fondi per la promozione dell’app.

Fonte: The Times of India

CONDIVIDI