Kamlesh (18) si prepara per gli esami per il servizio civile e spera di ricevere sostegno per seguire i corsi. Shailendra (19) è un supervisore presso una società di Nehru Place. Altri dodici ragazzi hanno trovato un’occupazione dopo aver studiato. La scuola per bambini di strada presso la stazione della polizia ferroviaria di Nizamuddin sta cambiando tante vite.

La maggior parte di questi bambini sono stati coinvolti nel traffico di droga ed in reati minori come gli scippi. Ma le loro vite sono cambiate quando la polizia ferroviaria di Delhi ha lanciato un “programma aperto di istruzione di base” – con il supporto dell’ONG locale Chetna – per contrastare il fenomeno della devianza minorile.

Incoraggiata dai risultati positivi, la polizia di Delhi ha deciso di fornire tutto il sostegno possibile a questi bambini in modo che possano eccellere nella vita.
Secondo la polizia, i bambini che vivono intorno alle stazioni ferroviarie sono vulnerabili e, per impegnarli, è stata aperta una scuola presso la stazione di polizia di Nizamuddin: circa 60 bambini, per lo più straccivendoli, si sono iscritti.

“Questa iniziativa è stata avviata alcuni anni fa ed ora sempre più bambini ne sono coinvolti. Questo li aiuterà a reinserirsi nella società. Il nostro obiettivo è quello di salvare i bambini vittime di tratta, reintegrare coloro che sono lontani da casa ed allontanarli dall’abuso di droghe. Nella scuola che opera nella stazione di polizia, insegnanti provenienti da organizzazioni non governative si prendono cura dei bambini ed i risultati sono incoraggianti “, ha detto Maneesha Bhatia che, in qualità di volontario, si impegna in varie attività.

“A parte l’insegnamento, ci sono momenti di ristoro e regolari controlli sanitari. Una squadra di polizia di Delhi ha fatto sì che i bambini non entrino nella sfera criminale a causa della mancanza di opportunità costruttive”, ha detto.

In oltre tre anni, la Polizia di Delhi ha salvato oltre 3.000 bambini riuscendo a reintegrarli. “La collaborazione con la polizia ha davvero incoraggiato i bambini a venire a studiare in questo centro. Dopo averli iniziati agli studi, hanno voluto studiare sempre più senza voler tornare alla loro vecchia vita”, ha detto Shaswati, che lavora con Chetna.

Secondo l’ONG, dal 2006 oltre 6.000 bambini, dalle piattaforme ferroviarie da Delhi a Jhansi passando per otto grandi stazioni ferroviarie – Nizamuddin, Mathura, Agra, Gwalior e Jhansi – sono stati riuniti con le loro famiglie.

Secondo l’ONG ogni giorno 50-60 nuovi bambini arrivano nelle città come Delhi con i treni. Tra le cause la mancanza di sostegno da parte dei genitori, la migrazione, l’attrazione per le città, la povertà e la tratta.

Fonte: Hindustan Times

CONDIVIDI