KUALA LUMPUR – Il Senato chiede che il Governo intraprenda misure efficienti per combattere il fenomeno dei bambini di strada.

Il Senatore Datuk Mohd Salim Mohd Sharif dichiara che dovrebbe esserci una cooperazione più stretta tra le agenzie operanti nell’ambito della National Blue Ocean Strategy, [strategia di sviluppo adottata del governo malese che vede la collaborazione di oltre 80 ministeri ed agenzie nella formulazione di diverse inizative finalizzate a trasformare lo Stato] e che ci dovrebbe essere più personale del Welfare Department che nelle ore notturne giri per il centro città piuttosto che aspettare le segnalazioni dei passanti.

“Il Ministero ha pianificato l’aumento del personale che si occupa dell’assistenza ai bambini di strada? Se aspettiamo che siano altre persone a fare le segnalazioni il problema non sarà mai risolto” dice al Dewan Negara [camera alta del Parlamento malese].

Il senatore Shahanim Mohamad Yusoff dihiara “mi sono avvicinato ad una donna con un bambino che si aggirava intorno al ristorante in cui stavo consumando il mio pranzo. Certo guardando la sua condizione siamo incoraggiati ad aiutare, a donare, ma servono delle misure efficienti. I turisti osservando questo scenario penseranno che la Malesia presenta un alto tasso di povertà e questo causerà gravi danni alla reputazione della nostra nazione”.

La risposta del Ministro Datin Paduka Chew Mei Fun sulle operazioni congiunte programmate per aiutare i bambini non ha soddisfatto i senatori che hanno fatto pressione per ottenere misure piu concrete ed efficaci da parte del ministero.

Il senatore Tan Sri Dr Ibrahim Abu Shah ha poi chiesto la disponibilità delle statistiche circa i bambini coinvolti in attività di accattonaggio e di criminalità come il gangsterismo ed il traffico di droga, così come i dati relative alle vittime di pedofilia, a cui Chew ha risposto dichiarando che si tratta di dati di competenza della polizia. Ciò ha indotto Dewan Negara presidente del Datuk S.A. Vigneswaran ad intervenire. “Sappiamo che i dati sono nella mani della polizia, ma a chi possiamo chiederli qui [in parlamento]? Il ministero dovrebbe averli”, ha dichiarato.

Fonte: New Straits Times Online

CONDIVIDI