RUSSIA – Elnara Evdokimova è una delle giovani artiste che proviene dal circo di Zirk Upsalan, il suo background è molto differente da quello delle ragazze comuni. Zirk Upsalan è una scuola di circo sociale, i suoi artisti infatti vivono in case abusive o provengono dagli orfanotrofi di San Pietroburgo. “Non ci piace la denominazione di circo sociale”, dice il fondatore della scuola e presidente, Larisa Afanasieva. “Dà un’impressione sbagliata e sembra qualcosa di noioso. Noi preferiamo chiamarlo solo circo, un circo per teppisti” dice ridendo.

Abbiamo dato una breve occhiata al posto in cui gli artisti si allenano, non sembra ci siano tracce di teppisti o di confusione. Salti e acrobazie sono eseguiti senza paura. Zirk Uppsalan partecipa al festival del circo giovanile di Helsinki con altri sette artisti. Il gruppo è già stato in Germania e in Gran Bretagna durante l’estate. La storia del circo di Upsala nasce 15 anni fa, quando lo studente di teatro Afanasieva ha deciso di fondare una scuola di circo per i bambini di strada. L’intero progetto iniziò con insegnamenti di base: ”All’inizio insegnavamo ai bambini che in questo circo, noi siamo artisti e gli artisti non puzzano. Obbligavamo i bambini a farsi la doccia più volte al giorno.”

Ad oggi molti bambini e giovani tra i 7 e i 18 anni con diversi background, partecipano alle attività del circo. “Tante cose stanno andando meglio negli ultimi dieci anni e non ci sono più bambini di strada a San Pietroburgo” racconta Afanasieva. “I bambini che frequentano la nostra scuola di circo provengono da scuole speciali e da orfanotrofi. La maggior parte di loro ha familiari con problemi di alcool.”

Il circo di Upsala ha 12 impiegati salariati compreso Afanasieva. Ricevono fondi dalla Germania e dalla Francia, da due diverse associazioni benefiche. C’è anche un finanziatore privato. “Ricevere fondi è molto difficile, ma ricevere aiuto finanziario dalla Russia è ancora più difficile – dice Afanasieva – e non sono sicuro di volere ancora l’aiuto dello Stato russo”.

Sono cinque anni che Elnara Evdokimova frequenta il circo e adesso si allena dieci ore a settimana. Oltre agli allenamenti, il programma offre educazione culturale, spettacoli teatrali e visite didattiche. Durante le vacanze estive, il circo organizza campi dove i bambini ricevono anche pasti caldi e alloggio. I più talentati del gruppo di circo si recano in turnèe in diverse città d’Europa. “La vita del circense è impegnativa e richiede dedizione” dice Afanasieva. Allo stesso tempo, lo spettacolo deve essere divertente per i bambini ed è importante che si sentano benvenuti. Il lavoro di gruppo è un elemento chiave e ogni artista deve essere responsabile delle sue azioni e prenderla seriamente. Nessuno può essere al massimo livello appena arrivato. Il livello di difficoltà della performance cresce man a mano che i bambini acquisiscono esperienza” dice Afanasieva.

“Il circo insegna anche ad essere responsabili verso gli altri. A volte penso che il circo possa essere sperimentato anche da Barack Obama e Vladimir Putin. Non tutti possono diventare dei professionisti e non è necessario. La cosa più importante è l’insegnamento che ne ricavano questi bambini e cioè che le scelte che fanno possono condizionare la loro vita e farla andare nella direzione che vogliono loro” spiega Afanasieva.

Articolo a cura di: Hieroglifs International

Fonte: Helsingin Sanomat

CONDIVIDI