È uscito in edicola, venerdì 19 febbraio, un interessantissimo reportage pubblicato dall’Espresso sulla situazione dei bambini della stazione Termini di Roma descritti come “piccoli immigrati senza famiglia, costretti a vivere nei cunicoli sottoterra e a prostituirsi per mangiare.” Un progetto di Floriana Bulfon e Cristina Mastrandrea per Unicef ItaliaRegia.

“Decine di immigrati minorenni vivono nel sottosuolo o accampati in aree attorno alla stazione Termini, nel cuore di Roma. Sono ragazzini senza famiglia, che rientrano fra i seimila minorenni non accompagnati arrivati in Italia e scomparsi. E per non morire di fame si vendono e sono vittime di pedofili senza scrupoli, uno dei quali, un ingegnere americano arrivato a Roma da Chicago, arrestato nelle scorse settimane.”

Foto: © Gabriel Loisy

CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO su L’Espresso

 

CONDIVIDI