Cindy McCain è a capo del The McCain Institute’s Human Trafficking Advisory Council e Malika Saada Saar è il direttore esecutivo dello Human Rights Project for Girls. I loro gruppi gestiscono il lunedì un forum al Cincinnati’s National Underground Railroad Freedom Center – uno fra i diversi che si tengono negli Stati Uniti.

OHIO – La maggior parte degli Americani pensano che il traffico sessuale minorile sia un fenomeno legato ad altri Paesi quali la Cambogia, l’India o la Nigeria e che non avvenga sul proprio territorio. Siamo sconvolti dai risultati delle nuove ricerche investigative sul territorio americano, di cui siamo allegramente inconsapevoli, circa i bambini venduti per sesso. Sfortunatamente, molti di noi semplicemente non realizzano che il traffico sessuale minorile avviene ogni giorno negli Stati Uniti, anche nelle piccole città o nei sobborghi.

Questa piaga è particolarmente evidente in Ohio. Il Buckeye si classifica come una delle peggiori regioni degli Stati Uniti in quanto a traffico sessuale. Un’indagine recente dell’Ohio Attorney General’s Office indica che 1,000 giovani sono obbligati al commercio sessuale ogni anno in Ohio. Di questi bambini e giovani vittime, molti sono solo nell’età delle scuole medie.

I bambini prescelti per il traffico sono spesso soggetti già vulnerabili. Si stima che il 30% dei bambini senzatetto e il 70% dei giovani di strada siano state vittime del traffico sessuale, secondo uno studio dell’ American Journal of Public Health. La loro vulnerabilità viene sfruttata dai trafficanti.

Troppo spesso, invece di vedere questi ragazzini come vittime di violenza sessuale quali sono, in ambito legislativo o nel linguaggio, sono trattati come giovani che si prostituiscono. Sono indentificati come delinquenti – cattive ragazze che prendono cattive decisioni – e condotte nel sistema di giustizia penale per reato di prostituzione, anche se molti di loro non hanno nemmeno l’età per il sesso, figurarsi quello commerciale.

Non c’è niente come un bambino costretto a prostituirsi. Bisogna chiamare il traffico sessuale minorile per quello che è: uno stupro. Una ragazzina di 13 anni non è una prostituta, è vittima di un abuso sessuale. Inoltre merita tutte le protezioni e i diritti accordati a tutti gli altri bambini sessualmente abusati. Questo implica anche andare alla ricerca del violentatore: la condanna per i trafficanti dovrebbe essere di stupro, di violenza sessuale su minore – condanne per cui quasi nessuno è stato arrestato.

Nonostante le atroci realtà che riguardano il traffico sessuale dei bambini negli Stati Uniti, c’è ancora speranza per un futuro senza schiavitù sessuale.

Lo stesso Ohio, infatti, ha fatto notevoli passi avanti per combattere il traffico, a partire da legislazioni più rigide fino alle iniziative tecnologiche per indebolire il traffico tramite reti online. Nel 2012 sotto la leadership del Rappresentante di Stato Teresa Fedor, il Safe Harbor Law è entrato a far parte all’unanimità della legislatura dell’Ohio cercando di porre fine alla criminalizzazione dei bambini per prostituzione. La legge ha anche aumentato la pena per i trafficanti e migliorato la cura ed i servizi di supporto per le vittime. Inoltre il Procuratore Generale dell’Ohio, Mike DeWine, e il Senatore statunitense, Sherrod Brown, hanno entrambi sostenuto gli sforzi per porre fine all’industria del traffico sessuale minorile, inclusa la riconvocazione della Commissione del Traffico Umano in Ohio ed il sostegno ad un rafforzamento in ambito legislativo.

Secondo il rapporto annuale del 2014 sul traffico umano del Procuratore Generale, lo Stato ha tutelato 181 vittime e arrestato 98 trafficanti per un totale di 85 indagini; nonostante questo, un quarto delle contee dello Stato non hanno ancora preso provvedimenti sul tema ed hanno un limitato servizio di cura per le vittime.

Dobbiamo continuare ad aumentare la consapevolezza su questo fenomeno e sulle risorse disponibili per proteggere le vittime. I difensori dei diritti umani possono imparare l’uno dall’altro. È stata questa la ragione del Forum di lunedì tenutosi al National Underground Railroad Freedom Center nel centro città di Cincinnati.

La battaglia per combattere questa moderna forma di schiavitù richiede la nostra attenzione e impegno. È tempo per una nuova generazione di abolizionisti di porre fine a tutti i modi in cui i bambini vengono resi delle proprietà.

Fonte: http://www.cincinnati.com/ Cindy McCain e Malika Saada Saar

CONDIVIDI